Tessile IL FASCINO del tessile

IL FASCINO del tessile: certificazioni

Parte 2: certificazioni

CERTIFICAZIONI

Tutto ciò che viene commercializzato in Europa subisce degli stretti controlli che ne certificano le caratteristiche. Di seguito ecco alcune delle certificazioni più diffuse nel mondo dell’abbigliamento e in generale del tessile.

 

FSC:

Forest Stewardship Council (FSC) è un certificato internazionale senza scopo di lucro, nato per fermare la deforestazione e i problemi sociali connessi in tutto il mondo. Non coinvolge solamente aziende di moda, ma qualsiasi azienda può ottenere una certificazione Forest Stewardship Council, se sceglie di acquistare materia prima da albereti coltivati in modo sostenibile. Numerose aziende si affidano a questo certificato, sempre più diffuso.

OEKO-TEX:

Le etichette OEKO-TEX certificano che il prodotto sul quale è cucito ha superato i test per le sostanze nocive sia per l’ambiente che per l’uomo. Questa dicitura garantisce che nel processo di lavorazione sono state rispettate condizioni ambientali e lavorative sostenibili. OEKO-TEX interviene anche, nello specifico, nel singolo settore tessile, comprendendo numerose label create in base alla tipologia di prodotto.

BLUESIGN:

La bluesign si occupa di omolgare le sostanze utilizzare nei processi produttivi e classificarle in 3 categorie secondo il loro livello di pericolosità:

  • Blu (sostanze non dannose per l’uomo e per l’ambiente, può essere sempre utilizzata);
  • Grigia (sostanze che possono essere utilizzate in circostanze particolari solo se non ci sono valide alternative);
  • Nera (sostanze tossiche che non possono essere utilizzate secondo gli standard certificativi Bluesign).

Ottenere questa certificazione da parte di un’azienda vuol dire trovare valide alternative alle categorie grigie e nere, mantenendo il processo produttivo dignitoso sia per il lavoratore che per l’ambiente.

REACH:

Reach non è una “semplice” certificazione, è un regolamento europeo composto da 141 articoli che prevede controlli di tutte le sostanze chimiche prodotte o importate in Europa. Il regolamento Reach pone importanti traguardi in ambito ambientale e sociale: nel settore moda sostenibile questo standard entra in gioco in tutte le fasi di lavorazione dei prodotti, avvenendo per lo più attraverso procedimenti chimici.

FAIRTRADE:

Il marchio FAIRTRADE garantisce il commercio equo solidale ed è la principale organizzazione internazionale senza scopo di lucro (ONG) che ne certifica i prodotti. Lavora soprattutto nei paesi poveri di Asia e Sud America, nel settore moda, alimentare o manifatturiero. È un ente molto importante, che mira a garantire condizioni di vita e lavorative sostenibili e umane nei territori in cui opera, eliminando soprattutto il lavoro minorile e le condizioni di schiavismo da debito.

GOTS:

La certificazione Global Organic Textile Standard (GOTS) è leader mondiale nella definizione degli standard di lavorazione tessile di fibre organiche (biologiche), ed include severi criteri ambientali e sociali. I criteri ambientali comprendono, ad esempio, la valutazione di tutti gli input chimici (pesticidi, tinture, prodotti chimici di processo) che devono soddisfare dei requisiti di base su tossicità e biodegradabilità. GOTS tiene in considerazione anche l’aspetto sociale: tutta la filiera tessile deve soddisfare criteri sociali minimi in base a delle regole fissate dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro.

OCS:

Organic Content Standard (OCS) è un certificato emesso dall’ente internazionale Textile Exchange (ONG), il quale garantisce che nel prodotto sia presente una certa percentuale di Cotone Biologico: almeno il 95% di cotone biologico per l’etichetta Organic 100, oppure il 5% di cotone biologico per l’etichetta Organic Blended.

PSV:

Il marchio “,Plastica Seconda Vita” è un sistema di certificazione ambientale di prodotto dedicata ai materiali ed ai prodotti ottenuti dalla valorizzazione dei rifiuti plastici. Questa certificazione coinvolge una vasta gamma di prodotti che vanno dall’edilizia ai materiali tessili, ma anche occhiali da sole, arredamento, prodotti per la casa e imballaggi.

GRS:

Global Recycle Standard (GRS), certifica prodotti ottenuti da materiali da riciclo e attività manifatturiere. Valorizza i prodotti realizzati con materiali da riciclo, nel rispetto di criteri ambientali e sociali estesi a tutte le fasi della filiera produttiva. Questo standard internazionale è approvato da Textile Exchange (ONG) e garantisce la partecipazione nell’ecosistema del riciclo non solo del prodotto ma anche delle aziende produttrici.